Il Mesolone: la Croatina come ritratto dell’Alto Piemonte

Il Mesolone di Barni, grande espressione della Croatina d’Alto Piemonte, è un viaggio attraverso la terra che ha accolto i passi di scrittori illustri, dove il nettare d’Ottobre in questi luoghi, sembra coniugare alla perfezione il dualismo enoico, quello del bisogno di contemplazione perseguito dai grandi vini, ed il sentimento di liberazione che dovrebbe accompagnare il degustatore ogni volta che attinge al calice.

Fu citato da Mario Soldati in “Vino al vino”, personalità luminosa, elegante, dalla penna pungente tipica di quella critica al formalismo che andava affermandosi, e forte della corrente ascetica che stava sempre più affievolendosi.

È un vino che riporta a tempi ormai trascorsi, all’esistere dell’Elzeviro in terza pagina, quale frammento erudito e acuto di una cultura dalla quale sembriamo fuggire in preda ad un infermo entusiasmo.

È l’atto esperienziale che fa comprendere come il vino sia capace di custodire in sé, mutevolmente e per sempre, il profumo di un territorio, le reminiscenze degli scoscesi pendii, il sapore del frutto e l’odore di fioriture che mai più vedranno altra primavera.

Il Mesolone fa rivivere il tempo, è splendido compagno delle serate conviviali, delle meno virtuose lune passate in solitudine, ma abbastanza complesso e piacevole al battito stesso, da riportare la mente al grado di ebbra lucidità necessario per affrontare l’esistenzialismo in modo meno conturbante.

Il cromatismo della Croatina in purezza e 2 anni in tonneaux di rovere donano l’intenso rubino, dispiegandosi all’olfatto con tono atro, dalle note di legno antico, di frutti rossi e sottobosco. L’attesa snellisce la trama, diventando meno cupa, su note di cherry e arancia rossa, spezie ed erbe officinali. Al palato la tensione è piacevole, il sorso è sapido, l’astringenza moderata, le note fruttate e speziate preminenti e protagoniste del persistente finale.

È il vino da tirar fuori senza remore alcuno ad una cena importante come alla notte del mondo, da aprire per sperimentare la sorpresa di chi vi starà accanto o da custodire nel lungo manifestarsi della sua longevità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: