Andrea Scovero e la Barbera d’Asti in anfora

L’astigiano negli ultimi anni si è consacrato come una delle zone più interessanti e di stimolo eno-filosofico del Piemonte. Assieme al Monferrato, ad oggi è una dimensione estremamente mutevole, dove viticoltura naturale, biodinamica e senza convenzionali definizioni, trovano spesso libera espressione del proprio genius loci. Filosofia che non pone limiti alla sperimentazione, in un sito dove la terracotta sembra estranea, ma nel quale si accasò negli antichi tempi di rivolta e ricerca del progresso, dove tra il IV ed il V secolo a.C. i plebei ottenevano progressivamente spazio nella società romana. All’epoca della Secessio Plebis già votive anfore vinarie di piccola dimensione erano prodotte in Piemonte, ed il vino trasportato tra queste, otri e botti in legno.

Andrea Scovero produce in anfora la sua Barbera d’Asti, dal fascino atavico ma con un carattere pulito, preciso ed identitario. Prende vita da una fermentazione spontanea, poi una sosta in acciaio ed in anfora. La veste è violacea, il carattere olfattivo è quello di una gioventù colta, dirozzata anche al palato, testimone è un’acidità che non eccede, ma che dona una piacevole freschezza, stimolando la richiesta del calice pieno. I profumi vertono al frutto fresco e sottospirito, ma con un’indole terrosa, una vena minerale che non attrae contestatori, ed un sorso altrettanto coerente, sartico e sapido, che sfuma su note di mora e ciliegia, con un’ottima persistenza.

La storia non è necessariamente pro parte al suo percorrerla cercando conforto o sostegno delle proprie tesi, ma talvolta può portarci alla considerazione ex novo dell’utilizzo e della collocazione di alcune pratiche, educandoci al sapore della riscoperta, ove il modernismo si fonde ed eleva l’esperienza storica stessa, erudendola, rendendola applicabile e fruibile, esortando la ricerca del piacere nel fascino primigenio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: